Riso stracotto in pentola, come recuperarlo: ricetta super gustosa e facilissima

Il riso in bianco è uno di quei piatti dai mille abbinamenti. Lo possiamo accompagnare a qualche secondo di carne, o mangiarlo solo con un filo d'olio e del formaggio grattugiato. Peccato che a volte il risultato non sia davvero quello desiderato. Quando succede questo niente paura. Esiste la ricetta anti-spreco.

Chissà quanti di noi sono fervidi sostenitori del riso bianco a tavola? Poco calorico - anche se con alto indice glicemico - altamente digeribile, e adatto ad essere servito come la quota di carboidrati perfetta insieme con piatti di carne o pesce.

È una tradizione tipica asiatica quella di usare il riso bianco per formare un piatto unico in abbinamento ai classici secondi. Un'usanza peraltro molto consigliata anche nelle diete più strette, fatta eccezione per chi soffre di glicemia troppo alta.

In tutti gli altri casi il riso in bianco salva un po' le cene, magari quando si arriva a casa tardi dal lavoro e non si ha nessuna voglia di mettersi ai fornelli per fare da mangiare. Basta lasciare l'acqua sul fuoco e buttare il riso. Il resto lo fa la cottura. Sempre che si dia ogni tanto un occhio all'orologio.

Riso stracotto, non buttarlo: recuperalo con queste mini arancine

Il riso bianco bollito non richiede ovviamente un tempo di cottura molto lungo, parliamo di 15-20 minuti al massimo. Nulla a che vedere con il tempo impiegato da un risotto, che invece si cuoce in 30-40 minuti aggiungendo in pentola il brodo poco alla volta. Il che potrebbe portare qualcuno a fare un po' di confusione e finire per bollire il riso bianco per mezzora. Il risultato sarebbero chicchi grossi il triplo e tutti appiccicati in una poltiglia collosa. Insomma un mezzo disastro, ma solo mezzo però, perché siamo comunque sulla buona strada per una rivincita. In che senso? Non c'è motivo per buttare via il riso stracotto. Possiamo invece trasformarlo in un altro piatto super buono: le mini arancine.

Preparazione delle mini arancine di riso.
Preparazione delle mini arancine di riso.

Abbiamo solo bisogno - oltre al nostro riso bianco stracotto - di un po' di sugo di pomodoro, 200 grammi di piselli e una cipolla. Questo è il necessario per cuocere un bel condimento adatto a farcire le arancine. Una volta ottenuto il sugo lo aggiungiamo al riso e stendiamo il composto in una teglia per farlo raffreddare meglio. Il riso così ottenuto avrà una consistenza perfetta, appiccicosa al punto giusto per fare le palline che saranno poi da passare nella pastella, per ottenere la quale servono 70gr di farina 00 e 110ml di acqua. A questo punto passiamo prima le arancine nella pastella e successivamente nel pan grattato. In un pentolino dai bordi alti avremo messo nel frattempo dell'olio a scaldare per la frittura. Quando è ben caldo immergiamo poco alla volta le mini arancine di riso e le togliamo una volta che saranno diventate dorate. Ecco come da un mezzo disastro abbiamo recuperato un piatto super appetitoso.

LEGGI ANCHE: Risotto viola: ricetta geniale per stupire i tuoi ospiti in autunno

Lascia un commento